Eventi passati - Soft painting

Eventi Passati - Orizzonte contemporaneO

Barbara-Matera_Soft-paintings

SOFT PAINTING

PER UNA DIMENSIONE TATTILE DELL'ARTE

 

 

Genere: personale d’arte contemporanea

Luogo: Art G.A.P. Gallery, Via San Francesco a Ripa, 105/a

Periodo: 21-28 Marzo 2015

Artista partecipante: Barbara Matera

Curatore: Marina Ciangoli

Organizzazione: Orizzonte contemporaneO

 

 

 

 

 

 

 

Installazioni o quadri? Le opere della serie Soft painting, ultima fatica dell’artista bolognese Barbara Matera, mantengono la loro funzione di quadro nella loro locazione tradizionale e secolare nella parete, eppure non nascono tanto con l’idea di essere guardati, contemplati come di fronte ad una “scena” che sa di concettuale, quanto e soprattutto per essere toccati e fruiti con tonda e piena percezione.

 

La poetica di Matera e l’atto pratico della produzione creativa, si potrebbero inserire come eredità e continuazione desunta dalle istanze e cifre dell’Arte Povera (la tattilità, il movimento, il concettualismo) o anche nella macrofamiglia che unisce le poetiche affini del secondo dopoguerra, comprendendo la Minimal Art e l’Arte Concettuale. Matera però se ne appropria perseguendo, fin dagli esordi, una poiesi della Natura rispecchiandola non solo nelle tematiche trattate (la distruzione dell’ecosistema su tutte), ma anche nei materiali usati nella sua arte, rigorosamente e coerentemente naturali.

 

La costruzione binaria delle sue opere, non sta tanto nel rapporto figura-sfondo, come già vorrebbe quantomeno una concezione d’arte vagamente astratta, quanto nella ricerca della tridimensionalità, nell’invadere, od accennare, all’invasione dello spazio reale come accade, gioco forza, nelle sue installazioni. Siamo di fronte ad un’arte concreta, ovvero a forme autonome e autoreferenziali che fanno realtà a sé stante, tenendo conto, oltretutto, che concreto, fisico, è l’oggetto d’arte e non simulato tramite i medium tradizionali dell’arte.

 

La dimensione tattile, ricercata in questa serie di opere, rimanda ad una condizione intima, interiore e individuale. Il tatto è evocativo di personali esperienze e memorie, come motori di una ricerca proustiana, dal sapore e valore noetico.

 

In esposizione, presso la sede espositiva dell’Art Gap Gallery, una serie di variazioni sul tema, dai colori brunastri ed acquei, dove l’ambiente che ci circonda e ci mantiene in vita è sempre rievocato, mediante l’uso dei materiali impiegati quali la lana cardata, il cotone e persino la c’era d’api che fa da collante naturale a soffici e variegate campiture interpolate fra loro - strizzando l’occhio all’espressionismo astratto di Rothko -, che affiorano da fondi ruvidi e graffianti.

EVENTI

Passati

In corso

Futuri

ufficiostampa@orizzontecontemporaneo.it

BLOG

CONTATTI

info@orizzontecontemporaneo.it

 

 

Copyright © All Rights Reserved 2013-2017 |OrizzontecontemporaneO - Roma